Gli oracoli degli dèi greci nella Teosofia di Tubinga

Gli oracoli degli dèi greci nella Teosofia di Tubinga

 

Lucia Maddalena Tissi, 2018

 

Alessandria, fine del V secolo d.C. La città è centro di dibattiti teologici e filosofici, non sempre pacifici, che vedono partecipi cristiani ed elleni (alias pagani). Dopo la rivolta del pagano Illo (484-488) il patriarca Pietro Mongo stipula un misterioso accordo con il filosofo neoplatonico Ammonio, probabilmente una sorta di tregua tra le due comunità. In tale contesto si inserisce la Teosofia, un’opera indirizzata a dimostrare la consonanza tra filosofia pagana e teologia cristiana secondo un’esigenza sinfonica squisitamente tardoantica. Sopravvissuta in forma di epitome bizantina nel manoscritto Tub. Mb 27, da cui la denominazione Teosofia di Tubinga, questo scritto testimonia un tentativo di risemantizzazione cristiana di testi pagani. Nel presente volume si analizza la parte che riguarda gli oracoli degli dèi greci: le parole di Apollo, Sarapide, Hermes, sono interpretate dall’autore, la cui identità rimane ignota, in senso cristiano. I commenti superstiti svelano un’impostazione neoplatonica, riflesso dell’insegnamento praticato nelle scuole filosofiche cittadine.

(Text by the author)

 


Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.