Hierarchie und Ritual. Zur philosophischen Spiritualität der Spätantike

 

Herausgegeben von Chiara Ombretta Tommasi, Luciana Gabriela Soares Santoprete, Helmut Seng

Questo volume costituisce il frutto della seconda parte del progetto Il Lato oscuro della tarda antichità. Marginalità e integrazione delle correnti esoteriche nella spiritualità filosofica dei secoli II-IV, da noi coordinato e svoltosi nel corso delle conferenze di ricerca trilaterali finanziate dal Centro per l’Eccellenza Europea di Villa Vigoni, dalla Fondation Maison des Sciences de l’Homme e dalla Deutsche Forschungsgemeinschaft tra il 2013 e il 2015. In particolare, abbiamo deciso, per ragioni di fluidità e continuità tematica, di pubblicare insieme i risultati degli incontri 2014 e 2015, dedicati rispettivamente a “Gerarchie” e “Testi, rituali, esperienze spirituali”. Abbiamo, inoltre, accolto contributi di studiosi che, pur non avendo preso parte effettiva agli incontri, perseguono nelle loro ricerche obiettivi e finalità simili a quelle enucleate nel progetto.

Scopo precipuo del presente lavoro è dunque quello di evidenziare, mediante un confronto con gli evidenti risvolti storici e sociali, questioni di tipo teorico, ossia la strutturazione gerarchica presente nelle varie correnti filosofiche o nei movimenti spirituali, che si declina sia nella cosiddetta teologia graduata e nei vari livelli dell’essere, sia nella larga presenza di temi legati alla Himmelsreise. Il paradosso del monoteismo (così come approfondito da Henri Corbin), con la tensione tra una divinità o di un principio dai caratteri di trascendenza sempre più accentuati e la presenza di un pletorico aumento di esseri intermedi, che devono in qualche misura rendere ragione del decadimento della perfezione e della presenza della materialità nel mondo, rende ragione dei notevoli sviluppi della demonologia e delle pratiche ascensionali, tese alla dimensione salvifica e soteriologica.

Accanto a tale aspetto, un’altra serie di contributi presenta studi incentrati sulla tematica del rituale e della scrittura, se e in che modo essi possano dirsi fedele rispecchiamento di prassi codificate, oppure se non si tratti di pura elaborazione o elucubrazione letteraria. In tal modo si assiste a un sovrapporsi di piani tra il sapere teorico e quello dei rituali e delle pratiche religiose. La ricca documentazione (testi teurgici, oracoli, letteratura orfica ed ermetica, papiri magici, ma anche i poemi omerici) testimonia precisamente tale duplicità: l’esegesi dei testi, non di rado caricati di aura sacrale e autorevolezza, serve a giustificare la prassi rituale esistente e, viceversa, è stata utilizzata al fine di ricostruire il milieu socio-culturale entro cui tali movimenti spirituali si muovevano. Né va sottovalutato, infine, l’aspetto dell’interiorità, ossia come queste scritture rappresentino un mezzo per avvicinarsi alla divinità e un modo per consentire un’ascesa progressiva dell’anima.

Questo volume non intende offrire una trattazione sistematica di quanto qui riassunto, preferendo approfondire singoli aspetti e singole figure. Tale scelta è, in primo luogo, determinata dalla presenza di autori differenti per lingua, formazione, orientamenti e metodologie; crediamo, peraltro, che in tal modo, esso possa offrirsi come complemento e affiancare la recente monografia di Heidi Marx-Wolf, Spiritual Taxonomies and Ritual Authority. Platonists, Priests, and Gnostics in the Third Century C.E., Philadephia 2016, le cui tematiche e la loro impostazione teorica affiancano molto da vicino alcuni aspetti che abbiamo cercato di enucleare.

 

Inhalt

Fabio Guidetti: Gerarchie visibili: la rappresentazione dell’ordine cosmico e sociale nell’arte e nel cerimoniale tardoromani … 9

Andrei Timotin: Hiérarchies théologiques, hiérarchies physiques. Lectures médio-platoniciennes du Timée … 43

Chiara Ombretta Tommasi: Mithras between Isis and Osiris in Apuleius’ Metamorphoses: solar syncretism and ritual patterns towards a hierarchical ascent … 65

Anna Van den Kerchove: Dieu, monde et l’humain. Les hiérarchies dans les écrits hermétiques … 89

Giulia Sfameni Gasparro: Tra scrittura e rituale. Scrivere, dialogare, pregare: i tre aspetti dell’esperienza ermetica … 111

Jean-Daniel Dubois: La ritualité de l’ascension de l’âme selon le traité copte Zostrien … 141

Luciana Gabriela Soares Santoprete: L’Intellect, les intelligibles et l’ignorance: hiérarchie et polémique antignostique dans le Traité 32 [V 5] 1 – 3, 2 de Plotin … 157

Fabienne Jourdan: Une mystique de Numénius inspirant celle de Plotin ? Analyse du fragment 2 (des Places) du Περὶ τἀγαθοῦ … 195

Christoph Elsas: Iranische und griechische Verständnismöglichkeiten der Fragmente des Numenios von Apameia und der Chaldaeischen Orakel … 225

Helmut SengIlias 14, 291 und die Chaldaeischen Orakel …251

Daniel Muhsal: Die spätantike Homer-Deutung im Kontext der neuplatonischen Timaios-Interpretation bei Proklos … 259

Miguel Herrero de Jáuregui: Riti neo-antichi: gli orfici dei neoplatonici e le loro uova …275

Rainer Thiel: Aufstieg der Seele und Theurgie bei Olympiodor …289

Mariangela Monaca: «Angeli, cosiddetti dèi, e demoni malvagi» nella visione terapeutica di Teodoreto di Cirro …303

Irmgard Männlein-Robert: Stimmen des Göttlichen: Die Orakeltexte der spätantiken Tübinger Theosophie im christlichen (Kon-)Text … 323

Caterina SchiaritiNo Name and Every Name. Ralph Cudworth e la religione egizia. Fra influenze neoplatoniche e polemiche contemporanee … 337

Namensregister . . . 361

[1] Cfr. Chronique in RHR 2016.

(Text by the authors)


Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.